Silent Hill, torna la nebbia

Da sempre Silent Hill è stato, insieme a Resident Evil, uno dei principali esponenti del genere horror quando si parla di videogames. Dopo alcuni capitoli deludenti la saga è finita in un limbo fatto di voci di corridoio spesso smentite e ritorni (al limite dell’imbarazzante) con skateboard e pachinko. Lo scorso 19 ottobre Konami è però tornata alla ribalta con la Silent Hill Transmission, evento interamente dedicato alla saga in cui sono stati mostrati molti nuovi progetti interessanti. Dal remake del secondo amatissimo capitolo a titoli completamente nuovi, passando anche per un nuovo lungometraggio diretto da Christopher Gans, il nome di Silent Hill sta per tornare a terrorizzare migliaia e migliaia di persone. Il nostro redattore Marco Badini ripercorre l’evento di Konami raccontando gli annunci fatti.

#silenthill #konami # videogames #horror #thepassword #thepasswordunito

La rinascita di Cyberpunk 2077

Sin dal suo annuncio Cyberpunk 2077 è stato un titolo atteso da centinaia di migliaia di giocatori. Nonostante le prime recensioni positive, una volta arrivato sul mercato il gioco si è rivelato un fallimento sotto molteplici punti di vista – a causa, soprattutto, di diverse problematiche legate a una scarsa ottimizzazione su console di vecchia generazione. Nonostante le pesanti critiche ricevute, CD Projekt RED non ha mai smesso di credere nel progetto, lavorando ad aggiornamenti in grado di sistemare le diverse problematiche che affliggevano il suo immenso titolo. Successivamente, con l’arrivo di Edgerunners il gioco ha subito una vera rinascita. Il nostro redattore Marco Badini ripercorre la storia di uno dei videogiochi più ambiziosi degli ultimi anni, raccontando i motivi dietro un iniziale fallimento e quelli che hanno dato una nuova vita a ciò che a tutti gli effetti si può considerare, ora, una perla imperdibile.

Crediti immagine di copertina: cyberpunk.net

#cyberpunk2077 #cyberpunkedgerunners #cdprojektred #videogame #netflix #playstation #xbox
#thepassword #thepasswordunito #marcobadini

Gli e-sports alle olimpiadi

Le Olimpiadi del 2020 avrebbero dovuto tenersi quest’estate a Tokyo, ma a causa della pandemia di coronavirus, che da inizio anno imperversa su tutto il mondo, la manifestazione è stata rimandata all’anno prossimo. L’edizione di quest’anno avrebbe dovuto affrontare nuove annose questioni, come quella degli atleti transessuali. Per quanto quest’ultima sia un tema di enorme…

The Last Of Us parte II: il cliente non ha sempre ragione

Uno dei problemi più grandi e discussi dell’era digitale consiste nel fatto che internet è riuscito a dare voce a tutti. Ma proprio a tutti, a prescindere dalla bontà del messaggio che si vuole comunicare o dell’opinione che si vuole esprimere, con moltissimi che si sentono “giustificati” a dire qualsiasi cosa passi loro per la…

Il bavaglio alla cultura non funziona su Minecraft

La censura è un affare vecchio come il mondo: da quando esistono governi più o meno autoritari, la libertà di pensiero e di espressione sono sempre state ingabbiate e limitate. Le idee hanno il potere di far riflettere le persone, e il popolo pensante è nemico dell’autorità imposta. Ancora oggi, nel mondo apparentemente sempre più…

Animal Crossing: unica causa del successo è il lock-down?

Animal Crossing: New Horizons è uscito il 20 marzo per Nintendo Switch e Nintendo Switch Lite e nella settimana seguente si è aggiudicato il primo posto fra i videogiochi più venduti in Italia. Il videogame nipponico ha avuto un grandioso successo in tutto il mondo, infatti in poco più di un mese sono state vendute…

L’OMS e la terapia dei videogiochi, storia di un’incomprensione

Durante queste settimane, i consigli su come ingannare il tempo nell’attesa che i giorni di quarantena arrivino al termine si sprecano. Tra questi, vi è anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità che, dall’alto delle sue competenze in materia, sostiene come i videogiochi possano essere un’ottima “terapia” con cui intrattenersi rimanendo comodamente a casa propria. Con questa…

Fundraising, videogiochi e la fiducia mal riposta

Era il 2012: l’Italia veniva malmenata agli Europei dalla Spagna, il primo film degli Avengers faceva capolino nei cinema e tutti temevano che la profezia dei Maya ci avrebbe cancellato dalla faccia della Terra. Una vita fa, insomma.Nel mondo stava iniziando a farsi conoscere Kickstarter, piattaforma di fundraising (o “raccolta fondi”, se non masticate l’inglese)…

Chi è Geralt di Rivia: la serie Netflix che fa incontrare i fan di Sapkowski con i videogiocatori di The Witcher

Gli uomini amano inventare mostri e mostruosità. Così hanno l’impressione di essere loro stessi meno mostruosi. Quando bevono come spugne, imbrogliano, rubano, picchiano le donne con le briglie, fanno morire di fame la vecchia nonna, colpiscono con la scure una volpe presa in trappola o riempiono di frecce l’ultimo unicorno rimasto sulla terra, amano pensare…

Caso Blizzard: aziende occidentali e proteste a Hong Kong

Non è un segreto che il governo cinese abbia attuato delle contromisure per diminuire la visibilità delle manifestazioni ad Hong Kong, soprattutto all’estero. Un chiaro esempio di come il governo cinese riesca ad influenzare per i propri scopi anche grandi aziende americane è l’episodio che coinvolge Blizzard Entertainment, una casa produttrice americana di videogiochi nota fra gli appassionati…