Parco archeologico di Siracusa: tutti i punti da visitare

Sono numerosi i punti di interesse all’interno del Parco Archeologico della Neapolis (Siracusa), sia dal punto di vista naturalistico, sia da quello architettonico: in circa due ore, è possibile ripercorrere la storia millenaria della città.

In questo nuovo articolo della nostra redattrice, Giulia Maria Dongiovanni, si esploreranno le origini e la struttura del Teatro Greco e dell’Anfiteatro Romano, dell’Ara di Ierone, dell’Orecchio di Dionisio e della Grotta dei Cordari.

#siracusa #neapolis #anfiteatroromano #aradierone #orecchiodidioniso #grottadeicordari #archeologia #archeologiaclassica #ThePassword #ThePasswordUnito

Grace Kelly, Principessa dello stile

Grace Kelly incantò il mondo con il suo fascino indiscusso, dall’aura sofisticata, ma semplice. Il suo stile ispira ancora oggi molte donne che lo reinterpretano in silhouette minimaliste ma d’effetto.
A quarant’anni dal suo decesso, la nostra redattrice Alessia Congiu (@origin_ale) la ricorda nel suo nuovo articolo come icona indiscussa della moda.

@princess_grace_of_monaco
@forgracekelly
@graceofmonacogram

#ThePassword #Unito #Moda #Cinema #GraceKelly #PrincipatodiMonaco #eleganza #bellezza #stile #poterefemminile #grazie #perle #silhouette #ispirazione #fiabe #corona #Principessa #sogno #Hitchcock #40esimoanniversario #commemorazione #outfit #Hermès #Dior #brandfrancesi

La promozione della cultura del post-pandemia: cos’è cambiato e cosa deve cambiare

La crisi che la pandemia ha portato con sé ha coinvolto ogni settore economico, raggiungendo anche quello artistico – di per sé già in una situazione precaria.
Dalle ceneri del 2020, però, si sente il bisogno di ricominciare: in questo caso, la ripartenza sta rivoluzionando concezioni antiche e pregiudizi ben sedimentati su un ambiente da sempre considerato elitario. E allora cos’è che deve cambiare, affinché l’arte nel post-pandemia venga valorizzata per davvero? #thepasswordunito #thepassword #promozione #cultura #spettacolo #arte #mostre #gallerie #musei #pandemia #covid19 #covid #rebeccaisabelsiri #comune #stato #torino #influencer #giovani

TORINO, UN CAPODANNO A TEATRO?

Con il suo nuovo articolo la redattrice Federica Siani ci propone un’alternativa teatrale per la notte di Capodanno 2022.

I teatri del capoluogo piemontese propongono per il prossimo 31 dicembre serate ricche di magia, divertimento, e in alcuni casi la proposta si conclude con un brindisi e una festa tutti insieme. Muniti di Green pass rafforzato, è possibile trascorrere a teatro l’ultima serata dell’anno in quei luoghi che per troppo tempo sono rimasti chiusi in questi due anni pandemici.

#capodanno #capodanno2022 #Torino #teatro #theater #cultura #Shakespeare #concerto #spettacolo #commedia

Breve guida natalizia a “Lo Schiaccianoci”

La stagione natalizia porta con sé infinite tradizioni, da alberi di natale a canzoni. Tra queste usanze natalizie non possiamo certo dimenticarci di menzionare “Lo Schiaccianoci”.

Si tratta del balletto natalizio per eccellenza, ambientato nella stessa notte di Natale e che le compagnie di tutto il mondo mettono in scena a dicembre. Con le sue musiche iconiche e la sua storia ricca di stratificazioni e rivisitazioni, “Lo Schiaccianoci” fa ormai parte dell’immaginario comune che circonda il Natale.

La nostra redattrice Ginevra Gatti ci parla dell’origini del balletto, delle sue varie versioni, della trama e della musica. Se nel vostro arsenale manca questa tradizione, non perdetevi questa guida per arrivare preparati a teatro!

#schiaccianoci #nutcracker #cassenoisette #nutcrackerseason #danza #balletto #schiaccianociballetto #petipa #ballettoclassico #teatro #balanchine #natale

Alessandro Sciarroni: il coreografo indisciplinato.

Alessandro Sciarroni è un coreografo, performer e regista, attivo nel nostro Paese e all’estero. I suoi lavori compaiono, oltre che in festival di danza contemporanei, anche in gallerie d’arte, musei e luoghi di fruizione artistica altri, a riprova della sua multidisciplinarietà e desiderio di sfuggire ai confini tradizionali artistici per indagare, semplicemente, ciò che gli interessa. La nostra redattrice Federica Siani ci racconta la poetica di questo artista, portandoci a scoprire alcune delle sue opere più famose come “Your Girl”, “Untitled” e ancora molte altre.

#alessandrosciarroni #sciarroni #alessandrosciarronicoreografo #yourgirlalessandrosciarroni #yourgirl #untitled #ifiwasmadonna #cowboy #luckysta #folk-s #turningproject #aurora #chroma #41 #augusto #savethelastdanceforme #inalandscape #coreografia #coreografo #danza #danzacontemporanea #contemporary #lyrical #performingarts #performanceart #leonedoro2019 #thepasswordunito

Symphonic Variations: inizia la nuova stagione della Royal Opera House

Nel mese di maggio, dopo più di un anno di chiusura, la Royal Opera House di Londra riaprirà i battenti al pubblico.
In occasione della riapertura, già a partire da aprile, il teatro ha messo a disposizione degli spettatori 3 balletti da acquistare e guardare in streaming sul loro sito.
Ginevra Gatti, nel suo nuovo articolo, ci introduce a “Symphonic Variations”, considerato uno dei capolavori del coreografo inglese Frederick Ashton. La genesi di questo balletto, creato nel 1946, e raccontata nell’articolo, è l’occasione perfetta per riflettere su questo momento di riaperture graduali.

@royaloperahouse
#royaloperahouse #ourhousetoyourhouse #royalballet #coventgarden #frederickashton #ashton #symphonicvariations #lafillemalgardee #margueriteetarmand #thedream #atragedyoffashion #danzaclassica #danza #balletto #marianelanunez

Chi sono le Nina’s Drag Queen?

Le drag queen vengono spesso associate alla transessualità, ma per la verità non sono affatto la stessa cosa: la transessualità riguarda l’identità di genere; la drag queen è una maschera scenica.
In questo articolo, Monica Schianchi ci racconta la sua chiacchierata con le Nina’s Drag Queen, un gruppo di attori e danzatori con sede a Milano, le cui performance rivisitano spesso i classici in chiave drag. Le Nina’s tengono numerosi laboratori su come approcciarsi al mondo drag: dopo i due mesi di corso, in un clima di leggerezza che si coniuga con l’apprendimento, gli attori vengono invitati a tenere uno spettacolo e mettersi in gioco in prima persona. In questi momenti difficili, legati alla pandemia, le Nina’s si sono attivate anche con dei podcast: una tipologia riguarda proprio le problematiche dell’affrontare la quarantena. Inevitabilemente le Nina’s, come altre drag queen, soffrono di alcuni pregiudizi legati alla loro arte, per il fatto che si colloca a metà tra il comico e il serio, e pertanto risulta difficile trovare una collaborazione. La maschera drag è uno strumento molto potente ma, soprattutto, offre un nuovo modo di vedere il mondo.

#dragqueen #LGBTQ+ #transessualità #drag #dragevolution #ninasdragqueen #teatro #milano #sorellanza #thepassword #thepasswordunito #unito

Dogtooth: quando la tragedia greca arriva sul grande schermo

Nell’articolo di oggi vi proponiamo una recensione di “Dogtooth”, il film di Yorgos Lanthimos arrivato nelle sale italiane soltanto l’estate scorsa.

La pellicola si inserisce nel filone di un modo innovativo di fare cinema, inaugurato dalla fruttuosa collaborazione di Lanthimos e dello sceneggiatore Efthymis Filippou, che proprio in “Dogtooth” conobbe il suo primo episodio.

Il Leitmotiv che unisce questa e altre opere di Lanthimos, tra cui il meglio noto “Il sacrificio del cervo sacro”, è quello di dare a temi e stilemi propri della tragedia greca antica una collocazione più attuale: il grande schermo.

La peculiarità di questo film è tale da renderlo poco adatto a una sinossi. In “Dogtooth, infatti, ci viene mostrato come si svolge la vita di una famiglia atipica, che dimora in una villa appartata, sita chissà dove. La casa rappresenta un vero e proprio universo parallelo, in cui qualunque aspetto della realtà viene demistificato e reinterpretato secondo modalità anomale e stranianti. All’interno di questa sorta di mondo a parte, tuttavia, ci sarà qualcuno che, a un certo punto, proverà a ribellarsi.

Dunque, se volete approfondire questi aspetti e siete amanti del cinema d’autore, non vi resta altro che guardare il film e dirci cosa ne pensate!

Non solo, ma anche! – Cosa fare a Torino dal 6 al 13 settembre

“L’estate sta finendo e un anno se ne va…”.Sarebbe bello se con la fine dell’estate finisse anche il 2020. Ma, ahimè, non è così, e anzi i numeri in rialzo di positivi al Coronavirus non fanno ben sperare; l’autunno alle porte porterà con tutta probabilità una nuova ondata di Covid, anche se per fortuna non…