Il caso Sarah Everard

3 marzo, Londra. Sarah Everard sta tornando a casa dopo essere stata a casa di un amico. Indossa dei pantaloni lunghi e una giacca larga e percorre una strada illuminata, telefono in mano. Dopo una chiamata al fidanzato effettuata poco dopo le 21, nei pressi della stazione di Clapham Junction, di lei non si hanno più notizie. Il suo corpo senza vita sarà ritrovato il 10 marzo, nel Kent.

Nell’articolo di oggi @Daniela Carrabs racconta il peso che questa vicenda ha avuto sull’opinione pubblica, evidenziando come il dialogo sui problemi di genere sia tutt’altro che superato. In un recente studio delle Nazioni Unite, infatti, si calcola che in UK l’80% delle donne di tutte le fasce d’età ha subìto molestie in luoghi pubblici, 97% nella fascia fra i 18 e i 24 anni.

Ma il caso Sarah Everard non ha scosso solo il Regno Unito. Per l’ennesima volta ci si ritrova a discutere della sicurezza delle donne, della violenza di genere e dell’atteggiamento eccessivo della polizia.

#saraheverard #97percent #reclaimthestreets #yesallwomen
#cronaca #femminismo #femminicidio #londra @unwomen @nonunadimeno