SAGA. Atti performativi generatori di famigliarità

La recensione di SAGA della redattrice Federica Siani.
SAGA è l’ultimo progetto coreografico di Marco D’Agostin un giovane artista, performer e anche autore italiano. I suoi spettacoli sono inseriti nelle programmazioni non solo di Festival nazionali, ma anche europei e in particolari quelle francesi. SAGA è uno spettacolo che vuole indagare il concetto di “famiglia” a partire da alcune riflessioni donategli dall’antropologia della parentela: esistono, in verità, infiniti dispositivi di creazione di legami definibili famigliari.

@marcodagostin @torinodanzafestival @fonderielimone
#SAGA #torinodanzafestival #danza #danzacontemporanea #torino #festival #eventitorino

Maze Runner – La fuga (dalla trama e da tutto il resto)

L’atteso seguito di Maze Runner – Il Labirinto è sbarcato da poco, il 15 Ottobre, anche nei cinema italiani, facendo rimpiangere, a molti (e a me in primis), di averlo aspettato. Il film è godibile, certo, in quanto non presenta punti morti, ma unicamente scene d’azione, di battaglia, di combattimento, di borbardamenti, di spionaggio e…