L’importanza della rappresentazione in TV e al cinema

L’annuncio dell’uscita del live action Disney della Sirenetta ha scatenato non poche polemiche attorno al fatto che l’attrice non rispetti le caratteristiche dell’Ariel caucasica e dai capelli rossi che tutti conosciamo.

Ma, se invece di lamentarci del colore della pelle di quest’ultima, andassimo ad analizzare nel dettaglio il perché sia così importante la rappresentazione delle minoranze?

Ce ne parla @xmonjca nel suo articolo e no, non si tratta di politically correct.

#unito #thepassword #thepasswordunito #disney #thelittlemarmaid #lasirenetta #hallebailey #politicallycorrect

Recensioni estive: “Non si può più dire niente?”

Negli ultimi anni si è avviato un enorme dibattito sull’importanza di modificare il nostro linguaggio per adattarlo ad una società in divenire: secondo alcuni questi cambiamenti sono necessari; mentre per altri ciò significa vivere sotto una dittatura.

Proprio di questo si parla nel libro “Non si può più dire niente?” che presenta 14 diversi interventi sul tema, non per dare una risposta definitiva a questa domanda ma per stimolare un dibattito pulito e non polarizzato.

Ce ne parla la nostra redattrice, Marta Fornacini, nel suo nuovo articolo.

#nonsipuòpiùdireniente #politicamentecorretto #dittatura #cancelculture #diritti #attualità #politica #linguaggio #inclusività #libro #recensioniestive #recensione #thepasswordunito #unito

TAG
@utetlibri
@matteobordone
@fedalessio
@giuliodantona
@ffaloppa
@livferracchiati90210
@a_wandering_sociolinguist
@_jenniferguerra_
@christian_raimo
@danielerielli
@sciutocinzia
@lau_tonini
@eschaton_rav

“La moda veste la pace”: la Torino Fashion Week 2022 e l’intervista con Tukwini Mandela

Villa Sassi apre le porte alla Torino Fashion Week per la sua settima edizione: una location d’eccezione per celebrare il tanto desiderato ritorno delle sfilate in presenza. La Torino Fashion Week è un progetto nato dalla mente di Claudio Azzolini e Federica Leonetti con lo scopo di riportare la moda a Torino facendo conoscere gli stilisti e l’artigianato locali. Quest’anno in passerella non solo stilisti torinesi ma anche internazionali in una cornice di pace e inclusività. Ce ne parla Alessandra Picciariello nel suo articolo attraverso un’intervista a Tukwini Mandela, nipote dell’ex-presidente sudafricano e CEO di House of Mandela, brand che ha sfilato all’evento.

#TorinoFashionWeek #TFW2022 #LaModaVesteLaPace #thepassword #ThePasswordUnito #Torino #NelsonMandela #TukwiniMandela @houseofmandela @torinofashionweek @barbara_odetto @claudio_azzolini_tfw @federica.leonetti.80 @luigisilvestro

DOPPIA PENA: LA SITUAZIONE DELLE PERSONE TRANSESSUALI NELLE CARCERI ITALIANE

Nelle carceri italiane la maggior parte delle persone transessuali viene condannata a una doppia prigione: viene perpetrata una violenza sia fisica che psicologica, distante dai diritti alla sicurezza e all’uguaglianza che ogni individuo merita, indipendentemente dalla propria storia personale. Nonostante i diversi tentativi di attivisti e parte della classe politica, la dignità è ancora un diritto non garantito se non in rare realtà penitenziarie. Nel suo ultimo articolo @GiuliaCalvi racconta i disagi e le violenze che le persone trans subiscono quotidianamente nei penitenziari nazionali.

#carceri #transessualità #lgbtq+ #inclusività #transprisoners #inclusivitàolimpiadi #transgender

L’inclusive design, spiegato

Le differenze sono da sempre un elemento alla base del #design: si immaginano differenti archetipi di utenti e per loro si creano #esperienze e percorsi differenti. Il design inclusivo ha un obiettivo ancora più ampio: creare prodotti per il maggior numero di persone, pur tenendo conto delle loro #diversità.

Ma di cosa parliamo quando parliamo di “diversità” e può bastare la progettazione a superare le #differenze? Se è vero che l’inclusive design è indispensabile per le persone con disabilità, in che modo può però migliorare sensibilmente la fruizione di tutti?

Scopri di più nel nuovo articolo di Rebecca Boazzo.

#inclusivedesign #graphicdesign #font #typography #typographydesign #typographic #inclusivity #inclusivita #inclusività #inclusivitymatters #uguaglianza #discriminazione #disabilità

Tokyo 2020: i ritratti.

Le Olimpiadi di quest’anno si sono dimostrate il ritratto di una società unita, forte e capace di abbattere gli stereotipi a favore di una maggiore inclusività. In questo articolo @GiuliaCalvi ci racconta le storie di queste Olimpiadi attraverso cinque ritratti di alcuni tra gli atleti più influenti di Tokyo2020.

#Tokyio2020 #Olimpiadi #ritratti #BarshimTamberi #TomDaley #squadradeirifugiati #nuoto #saltoinalto #ginnastica #inclusività #LGBTQ+ #transgender

Inclusività nella moda e l’esempio di Louboutin

Oggi si stanno facendo dei piccoli passi per cercare di abbattere le barriere e far sì che tutti si sentano rappresentati nelle campagne dei vari brand di moda, per trasformarsi in un nuovo sistema che sia più inclusivo da tutti i punti di vista.

Un esempio è dato dal celebre brand di scarpe di lusso Louboutin, famoso per le scarpe dalla suola rossa, simbolo di sensualità ed eleganza.
La campagna di Natale 2020 firmata Louboutin non fa uso di modelle e modelli dalla bellezza stereotipata, ma presenta la nuova collezione all’interno di una cornice allegra e del tutto atipica.

Se volete saperne di più consultate l’ultimo articolo della nostra redattrice @_style_aholic_

#moda #louboutin #inclusività #modainclusiva

Zero: l’eroe del Barrio

Zero è la nuova serie Netflix Italia lanciata il 21 aprile che porta alla ribalta gli italiani di seconda generazione. Ambientata nel Barrio, estrema periferia milanese, dove ogni giorno Omar e la sua crew dovranno combattere per difendere Il Quartiere, la propria vita e le proprie radici. Zero è una storia di inclusività, di riqualificazione, di amore e amicizia.
L’obiettivo della serie è scardinare alcuni stereotipi tipici della nostra cultura attraverso le parole di un cast giovanissimo che parla la nostra stessa lingua e con un accompagnamento musicale che passa da Mahamood a Madame.
Ce ne parla @FabianaBrio nel suo ultimo articolo.
#zero #netflix #netflixitalia #ilbarrio #inclusività #uguaglianza #razzismo #italianidisecondagenerazione #serietv #antoniodikeledistefano #thepassword #thepasswordunito

Blackface: non si scherza sulla pelle degli altri

“Non sono razzista, ma…” è diventata una frase obsoleta, se non sei razzista, non lo sei e basta e non esiste congiunzione avversativa che tenga. È comunque importante dire che non tutte le frasi, comportamenti, atteggiamenti razzisti che si possono avere sono volontariamente fatti con l’intento di essere discriminatori e offensivi, ma la loro reiterazione…