vignetta

“Siate farfalle che volano sopra i fili spinati” Ignazio LaRussa, ex militante del partito neofascista MSI, viene eletto presidente del Senato prendendo il testimone da Liliana Segre, che in qualità di senatrice più anziana si è trovata a dover presiedere la seduta in cui viene nominato. Vignetta di Gabriele Carollo

Vittorio Emanuele III: il re dalle scelte sbagliate

La figura di Vittorio Emanuele III ancora oggi risulta molto controversa. Egli prese molte decisioni errate, tra cui quelle di avallare il Fascismo, assecondare costantemente Mussolini e promulgare le leggi razziali. Se si fosse comportato in maniera diversa, oggi vivremmo in un Paese diverso?
Con questo articolo la redattrice Giulia Arduino fa un excursus sulla vita e sulle decisioni intraprese da Vittorio Emanuele III.

#VittorioEmanueleIII #Re #RegnodItalia #Mussolini #Fascismo #Primaguerramondiale #UmbertoI #Monarchia #neutralità #Roma #thepassword #ThePasswordUnito

Quando Galeazzo Ciano venne ucciso dal suocero, Benito Mussolini

“Mio nonno Benito Mussolini fece fucilare mio padre, Galeazzo Ciano. Nulla poté fare Edda, mia madre e figlia del Duce”. Dopo aver votato a favore della destituzione di suo suocero, Galeazzo Ciano fuggì dall’Italia. Da latitante venne trovato, portato al poligono di tiro a Verona e fucilato a sangue freddo.
Se vuoi scoprire di più sull’ambigua figura di Galeazzo Ciano, ne parla Giulia Arduino nel suo nuovo articolo.

#Duce #fascismo #GaleazzoCiano #EddaMussolini #thepassword #ThePasswordUnito

25 aprile: Festa della Liberazione

Nella giornata che celebra l’anniversario della liberazione d’Italia, ricordiamo ai gentili utenti, soprattutto in questo periodo storico, l’importanza di Bella Ciao.

Nuova vignetta di @gabriele.carollo.art
.
.
.
#25aprile #resistenza #bellaciao #casadicarta #partigiani #libertà #liberazione #festadellalibertà #unito #thepasswordunito #thepassword

Fucilato e appeso a testa in giù: la (non) leggendaria fine di Mussolini

Si travestì da militare tedesco. Tentò la fuga verso la Svizzera e venne immediatamente catturato. Fu fucilato dai partigiani e trasportato in Piazzale Loreto. Qui venne appeso a testa in giù.

Bene o male tutti sappiamo chi è il soggetto in questione.

Per approfondire la vicenda sulla morte di Mussolini, allora, non vi resta che leggere l’ultimo articolo della nostra redattrice, Giulia Arduino.

#Mussolini #PiazzaleLoreto #25aprile #liberazione #Italialibera #duce #ClarettaPetacci #fascismo #novecento #storia #cultura #ThePassword #ThePasswordUnito

Il fascismo e l’ossessione per gli slogan

Alla fine del Secondo conflitto mondiale le statue e tutto ciò che poteva richiamare la dittatura mussoliniana venne cancellato, venne fatta (non completamente) una damnatio memoriae. Le sculture vennero abbattute, venne cambiato il nome a piazze prima indicanti nomi di personaggi fascisti. Ma non tutto ciò che riguardava la dittatura scomparve. Possiamo ancora trovare scritte sui muri riguardanti i motti del Ventennio. Bisognerebbe cancellarli? Bisognerebbe restaurarli essendo propriamente dei reperti storici?
Ne parliamo nell’articolo della redattrice Giulia Arduino.

#Mussolini #Dux #VentennioFascista #SecondaGuerraMondiale #Muri #Scrittesuimuri #CredereObbedireCombattere #fascismo #storia #propagandafascista

Coraggio e sangue freddo: mirino puntato su Benito Mussolini

Con il nuovo articolo della redattrice Giulia Arduino si ripercorrono i coraggiosi attentati svolti ai danni di Benito Mussolini: da Zaniboni, passando per Gibson, Lucetti e Zamboni, arrivando a Schirru e Sbardellotto. Sappiamo che nessuno di questi andò a buon fine; anzi ebbero l’effetto opposto: esaltarono ancor di più la figura del duce come semidio e uomo immortale.

Ma nel caso l’obiettivo fosse stato raggiunto, la storia del nostro Paese sarebbe stata diversa?

#Mussolini #Duce #Fascismo #Attentati #Dittatura

Salone Internazionale del Libro 2019: cosa è successo?

Come ormai è risaputo, alla vigilia dell’edizione 2019 del Salone Internazionale del Libro, si è venuto a creare un vero e proprio caso mediatico in merito alla presenza di Altaforte Edizioni. Tutto è iniziato quando Nicola Lagioia ha dichiarato che l’evento non avrebbe ospitato personaggi politici come speaker, né avrebbe presentato libri scritti da o…