Il tacito rinnovo degli accordi Italia-Libia

2 novembre 2022: Palazzo Chigi tace e il Memorandum Gentiloni-Al-Sarraj si rinnova automaticamente. L’Italia continua ad adottare una politica di “protezione” verso una realtà discrepante rispetto ai dati empirici inerenti la realtà migratoria.

Ancora una volta, credenze fondate su stereotipi e convinzioni tradizionali prevalgono sulla solidità di fatti riportati da innumerevoli ricerche. La nostra redattrice Alessia Congiu (@origin-ale) descrive nel suo nuovo articolo il dipinto surrealista che il Governo italiano ha realizzato validando tacitamente un accordo disumano.

#unito #thepassword #thepasswordunito #dirittiumani #italia #libia #accordi #relazioniinternazionali #migranti #migrazione #amnestyinternational

@amnestyitalia
@amnesty
@medicisenzafrontiere
@unitednations

Violenza di genere: il consenso

Nel dibattito relativo alla violenza di genere e in particolare alla violenza sessuale, un aspetto ancora non ben definito e controverso è la nozione di consenso. Il diritto internazionale più avanzato ci dice che ogni atto compiuto senza il consenso di tutti i partner dovrebbe essere considerato violenza, secondo la famosa formula “solo si significa si”.

Perché allora sembra tutto così complesso? Cosa dice il nostro quadro legislativo in merito? Ce ne parla Marta Fornacini nel suo nuovo articolo.

#violenzadigenere #violenzasulledonne #violenzasessuale #consenso #solosìèsì #amnestyinternational #donne #dirittiumani #convenzionediistanbul #dirittidelladonna #thepasswordunito #unito

TAG
@ caraseimaschilista
@robadadonne
@direcontrolaviolenza
@nudm_torino
@cimdrp
@la_lettrice_femminista
@stregafemminista
@_non_sto_zitta
@breakthesilence_ita
@amnesty_international_torino
@wehatepink

Nuova vignetta di @elle_fa_cose: “La Giustizia ha perso la sua bilancia.”.

“Ci hanno massacrato, hanno ammazzato un ragazzo. Hanno abusato di un detenuto con un manganello. Mi hanno distrutto, mentalmente mi hanno ucciso.”

I racconti del pestaggio avvenuto lo scorso aprile nel carcere di Santa Maria Capua Vetere sono sconcertanti. Le torture subite dai detenuti non sono state un caso isolato, l’abuso di potere nelle carceri italiane è da sempre parte integrante del sistema.

Prima ancora che di giustizia, in questo caso, bisognerebbe parlare di umanità.

Nuova vignetta di @elle_fa_cose, copy di @nonmipiacelacannella.

#SantaMariaCapuaVetere #carceri #pestaggio #umanità #dirittiumani #giustizia #dignità #polizia #thepasswordunito #unito

Palestina: ” la soglia è stata superata”

Nelle ultime settimane Gerusalemme è stata teatro di violenti scontri tra palestinesi e militanti dell’ultradestra ebraica.
Sempre a fine aprile, l’ONG Human Rights Watch ha rilasciato un dossier in cui definisce come apartheid il trattamento riservato agli arabi dalle autorità israeliane; recentemente, infine, la Corte Penale Internazionale ha annunciato un’indagine per giudicare i possibili crimini internazionali compiuti nell’area dal 2014.
La convivenza tra i due popoli, si sa, non è mai stata semplice: ce ne parla Marta Fornacini nel nuovo articolo di The Password.

@ffip.torino @progettopalestina #Israele #Palestina #Apartheid #scontri #Gerusalemme #HumanRightsWatch #dirittiumani #AThresholdcrossed #thepassword #thepasswordunito #unito #martafornacini

Il prezzo della schiavitù

Alcune settimane fa, il senatore Matteo Renzi ha definito l’Arabia Saudita di Bin Salman la “culla di un nuovo Rinascimento”. Quanto c’è di rinascimentale in Arabia Saudita?
L’ex-Premier non è il solo ad elevare a modello di progresso molte di quelle futuristiche città del Golfo, ma dietro ai suggestivi skyline si nasconde una drammatica realtà fatta di abusi, violenze e incessanti vessazioni, il tutto legalizzato dal sistema della “kafala”.
Di che cosa si tratta?
In questo articolo @ashraf_rami ci mostra l’altro volto delle lussuosissime città della penisola dei re e degli emiri.

#ArabiaSaudita #MatteoRenzi #BinSalman #kafala #lavoro #immigrati #dirittiumani #sfruttamento # schiavitù #Thepassword #Thepasswordunito
@amnestyitalia @amnesty_international_torino @humanrightswatch @Matteorenzi @Aboubakar_soum @siscounito

La storia è sempre storia contemporanea

Era l’8 agosto del 1956 quando nella miniera del Bois du Cazier si consumò la tragedia nella quale persero la vita 262 minatori, di cui più della metà erano emigrati italiani. Il fenomeno delle migrazioni è antico e complesso, caratterizzato da violenze, difficoltà, lotte e pregiudizi. La paura del diverso, della novità è un’emozione intrinsecamente umana e partendo da questa consapevolezza bisogna agire. L’integrazione degli italiani in Belgio è un esito felice di questo incontro, difficile e sofferto. Oggi più che mai, in un mondo sempre più globalizzato e connesso, costruire una società all’insegna della multiculturalità e del rispetto dei diritti umani è un dovere e una responsabilità. Perché in fondo quello che ci rende tutti uguali è il nostro essere umani; Marcinelle non è poi tanto diversa dalla tragedia avvenuta a Lampedusa nel 2013. Nel suo nuovo articolo, Arianna Guidotto delinea il tema delle migrazioni in Italia dall’Ottocento ai giorni nostri.

#dirittiumani #economia #integrazione #Lampedusa #Marcinelle #migrazioni #xenofobia #Thepassword #Unito