“Moglie e marito”, una commedia dalle mille sfaccettature

Ma che vi è preso? Siete l’unica coppia decente che conosco.

Andrea e Sofia sono insieme da quasi dieci anni; lui un medico affascinante impegnato nella ricerca; lei una conduttrice televisiva che ha davanti a sé l’occasione della vita. Tutto sembra perfetto, tutto tranne il loro rapporto che giorno dopo giorno vacilla e conduce la coppia a pensare al divorzio. Ma la vita gioca brutti scherzi e così una sera, nel testare una macchinario creato da Andrea, accade l’irreparabile: la donna si ritrova nel corpo dell’uomo e viceversa.

Andrea e Sofia devono affrontare i compiti, gli impegni, le esigenze fisiologiche e le difficoltà dell’altro. Il risultato di questo notevole cambiamento è un’ulteriore crisi, ma questa volta di natura diversa, che favorirà la riconciliazione della coppia.

Film di Simone Godano del 2017, Moglie e marito, pur muovendosi in una tradizione cinematografica solida e già vista, non è una pellicola scontata. Partendo da uno spunto irrealistico, il regista, avvalendosi della commedia, trascina lo spettatore nella quotidianità e nelle avversità di una relazione. La mancanza di dialogo della coppia si configura come incipit del racconto: Andrea e Sofia sono i classici poli opposti, entrambi cercano comprensione nell’altro senza però offrirne altrettanta. Lo scambio di corpi mette in risalto come sia fondamentale nei rapporti umani l’empatia verso il prossimo, la comprensione, ma soprattutto il dialogo.

La comicità degli attori Pierfrancesco Favino e Kasia Smutniak si mescola con le difficoltà che l’errore tecnologico ha portato: Andrea sta per perdere anni di lavoro di ricerca e Sofia rischia di perdere un’importante conduzione televisiva. Tutto sembra evolvere nel peggiore dei modi, ma come ben sappiamo non tutti i mali vengono per nuocere. Nel finale si coglie anche un riferimento alla condizione femminile e colpisce che proprio questo venga fatto dal protagonista maschile.

Moglie e marito è divertimento e riflessione. Un finale ben calibrato alla storia che dà risalto a tutti i momenti precedenti e dona allo spettatore la sensazione di conoscere da sempre i protagonisti e immedesimarsi in loro. Un film che con il sorriso ci insegna l’importanza del dialogo e della comprensione.

Rosalba Franchino

Crediti immagine di copertina: https://www.film.it/recensione/art/moglie-e-marito-la-nostra-recensione-49083/

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...